NextPit

Tesla violata: gli hacker ottengono una Model 3 come ricompensa

IMG 20181207 095949
© NextPit

Le Tesla non sono al sicuro: almeno non dagli hacker e non la Model 3. Alla conferenza Pwn2Own, due specialisti hanno fatto quello che nessuno pensava fosse possibile e hanno preso il controllo di un veicolo Tesla. Come premio, hanno ricevuto un'auto.

Gli hacker Amat Cama e Richard Zhu del Team Fluoracetate sono riusciti ad attaccare il sistema di infotainment della Tesla Model 3. Tramite un bug nel controller JIT, un sito web preparato a dovere potrebbe essere richiamato sul browser Chromium e quindi assumere il controllo del sistema. L'attacco degli hacker a Tesla è valso la pena perché essi hanno ricevuto una Tesla Model 3 come ricompensa.

androidpit tesla model 3 inside
All'interno della Tesla Model 3 è presente un display da 15 pollici touchscreen. / © NextPit

Hacking per una buona causa

La ricompensa lo rivela già: l'attacco degli hacker a Tesla è avvenuto con le migliori intenzioni. Al Pwn2Own solitamente sono i produttori stessi a consegnare i propri prodotti agli hacker per identificare possibili vulnerabilità di sicurezza. Il concorso è stato indetto dalla Zero Day Initiative (ZDI) di Trend Micro, azienda specializzata in anti-virus.

Tesla gestisce da diversi anni un cosiddetto programma di bounty, in cui gli hacker possono contare su una ricompensa se riescono a penetrare nel sistema. La casa automobilistica californiana ha già pagato diverse centinaia di migliaia di dollari in premi come parte di questo programma.

Ti è piaciuto l'articolo? Per favore, condividilo!
Partecipa alla discussione ora

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica